Vacanze pasquali 2019

Vacanze pasquali 2019 dove andare?

Vacanze pasquali 2019 dove andare?

Quest’anno le vacanze pasquali 2019 sono molto lunghe.
Infatti per le vacanze pasquali chiusura scuole, visto il periodo basso in cui cade la Pasqua, sono molto lunghe.
La Pasqua si festeggia il 21 aprile e le scuole hanno stabilito come inizio e fine vacanze pasquali dal 18 aprile al 28 aprile compresi.
Queste le date approssimative, logicamente a seconda della regione potrebbero esserci dei cambiamenti, ma sicuramente di poco visto le festività che si susseguono nei giorni in cui quest’anno viene festeggiara la Pasqua.

Grazie a questa opportunità dei tanti giorni di vacanza per i bambini, si può cogliere l’occasione per organizzare un bel viaggio.

Vacanze pasquali dove andare

Se volete cogliere come vacanze Pasqua e Pasquetta tante occasioni per festeggiare le vacanze Pasqua in famiglia.
Ottima idea se avete una seconda casa al mare o in montagna andare nei luoghi che sicuramente hanno il radicamento della famiglia.
Anzitutto potrete utilizzare la casa come punto di riferimento per visitare i luoghi limitrofi, d’altro canto l’Italia è piena di posti bellissimi da scoprire.

Vacanze pasqua dove andare Italia

L’Italia offre tante mete fantastiche e visto il periodo favorevolo della bella stagione organizzare una gita fuori porta o un bel weekend lungo sarà cosa facile.

Grazie ai molti giorni potreste organizzare di trascorrere le vacanze pasquali a Genova, città stupenda da visitare e da non perdere c’è l’Acquario di Genova con il Museo, la Biosfera e il Sottomarino da scoprire.

Altra opportunità è trascorrere le vacanze pasquali nel Lazio alla scoperta dei tanti insediamenti Etruschi nella zona di Tarquinia,
i bellissimi luoghi Medioevali come Viterbo, Bagno Reggio oppure organizzare un bel agriturismo e terme.

Se amate una vacanza in agriturismo le vacanze pasquali 2019 in Umbria sono quelle che stavate cercando.
Ottimo cibo, moltissimo verde, tante città d’arte da scoprire immersi in una tranquillità che farà felice tutta la famiglia.

Nel centro Italia anche le vacanze pasquali in Abruzzo sono un’altra bella idea, regione molto versatile che offre paesaggi meravigliosi, adatta alle vacanze con i bambini.
Con il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e quello del Gran Sasso potrete divertirvi con i vostri bambini nei parchi e far scoprire la natura e gli animali che vivono nei boschi italiani.

Che dire l’Italia offre opportunità fantastiche per organizzare una vacanza, visto il periodo sicuramente anche le vacanze pasquali al caldo sono una ottima soluzione.
Quindi potreste pensare ad un viaggio alla scoperta della Puglia, Calabria oppure verso le Isole come la Sicilia e la Sardegna.

La Puglia offre lo zoo Safari a Fasano, magari i bambini potrebbero rimanere verante entusiasti di fare questa esperienza.

Vacanze pasquali 2019 viaggi

L’Italia non vi soddisfa, quindi Vacanze a Pasqua dove andare? Vacanze Pasqua in Europa?
Particolarmente gettonata la meta per le vacanze pasquali a Londra, che con un weekend lungo si riescono a vedere i principali Musei e luoghi famosi.

Tra le mete più ambite oltre le capitali europee, c’è sicuramente il mare.
Le Canarie e il Mar Rosso come sempre sono le mete più convenienti del periodo, mica male come soluzione per staccare un po’ prima delle vacanze estive, non trovate?

Cogliete l’occasione e guardate le offerte Vacanze Pasqua last minute, tante ottime soluzioni a prezzi pazzeschi.

Terme dei Papi

Le Terme dei Papi per godersi il relax alle terme

Le Terme dei Papi per godersi il relax alle terme

Le Terme dei Papi si trovano vicino Viterbo e sono di origine vulcanica.
Volute da Papa Nicolo V, nel 1450 egli commissionò la costruzione di un vicino palazzo per potervi soggiornare e godere così delle ottime caratteristiche curative delle acque di queste terme.
Queste terme sono tra le più belle che esistono nel Lazio e dove poter godere del relax e visitare Viterbo una città meravigliosa.

Scoprire le Terme dei Papi

Le Terme offrono la possibilità di alloggiare all’interno del loro hotel Niccolò V.
Al Terme dei Papi hotel è una soluzione elegante e raffinata per potersi dedicare interamente ai percorsi curativi, estetici e di benessere previsti alle terme stesse.

Trattamenti a pagamento

Fare le cure termali che potreste fare presso le Terme dei Papi sono molte e inoltre,
si possono spendere prezzi molto vari, logicamente a seconda del trattamento scelto e necessario alla propria salute.
Si passa dalle inalazioni e dall’aerosol a 5 euro fino ad arrivare al trattamento watsu nella piscina esterna che costa 100 euro.

Queste Terme possono essere godute non soltanto alloggiando all’interno del prestigioso hotel,
ma anche trovando un pernottamento presso gli agriturismi della zona.

Orario Terme

Per quanto riguarda gli orari, le Terme sono aperte tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 19,
in estate fino alle 20 e il sabato sono previste anche aperture notturne fino alle ore 1,00 di notte.

Le Terme dei Papi per l’accesso bambini prevedono l’ingresso gratuito fino a 2 anni,
fino a 12 anni invece sono a disposizione docce, spogliatoi e asciugacapelli.
Soggiornare presso le Terme significa immergersi in un’oasi di benessere e relax,
con la natura intorno e la storia secolare ad abbellire i percorsi curativi.

Le Terme sono una risorsa per tutti coloro che desiderino regalarsi dei momenti per magici ed uscire dal caos quotidiano,
lontano dalle grandi città e dai pensieri quotidiani, ma immersi nella bellezza e nel confort. Situate nel territorio del viterbese, dopo un soggiorno alle Terme dei Papi,
si può visitare il circondario che la sua ricchezza storica, soprattutto rappresentata dalla cittadina di Viterbo.

Dove dormire Terme di Saturnia

Dove dormire Terme di Saturnia

Dove dormire Terme di Saturnia

Organizzare una weekend alle terme, ma dove dormire Terme di Saturnia?
Le Terme di Saturnia sono un luogo incantevole di benessere e relax immerso nella campagna toscana meridionale, precisamente nella Maremma.
Tra colline dolci e basse e campi coltivati, con una natura curata e allo stesso tempo incontaminata tutto intorno,
stare immersi nelle acque sulfuree e miti delle Terme a Saturnia acquista un fascino unico.

Dove dormire Terme di Saturnia

Le Terme a Saturnia possono essere godute soggiornando in hotel, sia nelle strutture ricettive delle località adiacenti le Terme stesse che proprio all’interno del resort delle Terme.
In quest’ultimo caso si tratta di una soluzione di alto livello.

Le Terme di Saturnia però possono anche essere visitate soggiornando in agriturismo.
Tante infatti sono le soluzioni di country house che si trovano disseminate nella campagna circostante.
Oppure i b&b per le Terme di Saturnia possono essere un’altra soluzione di pernottamento.

Infine alle Terme di Saturnia il campeggio non è proprio adiacente, il più vicino è a Montemerano, oppure in altre località a circa almeno 1 ora di auto dalle terme stesse.
Le possibilità di pernottamento in Maremma di certo non mancano e sono adatte a tutte le tasche.

Numerose infatti si rivelano le opportunità per scoprire la magia dei luoghi che accolgono le acque sulfuree termali di Saturnia, trovare quindi un alloggio non sarà affatto complicato.
Una famiglia che voglia godere delle terme può preferire un pernottamento in country house,
oppure in appartamenti Airbnb o hotel in cui poter godere di ogni comodità.
Una coppia magari può preferire di alloggiare direttamente nel resort delle terme oppure adeguarsi al campeggio,
ve ne sono diversi, soprattutto a qualche chilometro lungo la costa tirrenica, in cui trovare soluzioni vantaggiose e sicuramente più economiche degli hotel di lusso.

Non mancano poi le case vacanza in campagna da prendere in affitto ad esempio per trascorrere un week end immersi nella natura,
di ritorno dalle immersioni nelle vasche sulfuree libere di Saturnia.

Cosa Visitare vicino alle Terme di Saturnia

Cosa visitare vicino alle Terme di Saturnia

Cosa visitare vicino alle Terme di Saturnia

Le Terme a Saturnia si trovano in Maremma e cosa visitare vicino alle terme di Saturnia, che dire moltissimo posti meravigliosi.
Saturnia si trova a sud della Toscana ed a nord di Roma, la distanza è di circa 170 chilometri dalla capitale.

Cosa Visitare vicino alle Terme di Saturnia

Le Terme sono sicuramente un’attrattiva da non perdere ma anche le località circostanti non sono da meno e valgono una visita.
A cominciare da Saturnia stessa, la quale si raggiunge attraversando il borgo di Manciano,
rivela delle costruzioni imperiali e tardo etrusche, romane e tardo medioevali, di assoluto rilievo.

Dunque a Saturnia sono da visitare la Chiesa di Santa Maria Maddalena, si possono ammirare la Rocca costruita dagli Aldobrandeschi e la Porta Romana,
unica delle quattro del borgo ancora in piedi, si può far visita alla necropoli etrusca e al museo archeologico di Saturnia.

Pitigliano che magia

Il borgo di Pitigliano mostra imponente il magnifico acquedotto mediceo, formato da quindici archi di cui tredici piccoli ma due enormi.
Infatti Pitigliano è borgo medioevale che conserva intatto il fascino antico tra i suoi vicoli, stradine strette, arroccato a strapiombo sulla rupe sottostante.

A Pitigliano sono da visitare la fortezza Orsini, il palazzo Orsini ma anche le Vie Cave,
percorsi etruschi impressionanti e unici al mondo, scavati fino a 25 metri sotto il livello del terreno nella roccia tufacea.

Che dire a Pitigliano c’è un suggestivo quartiere ebraico con la Sinagoga, oltre alle necropoli del Gradone e del vicino Poggio Buco.

Cosa altro vedere?

Tra Saturnia e Manciano è possibile visitare Montemerano, un borgo medioevale protetto da cinte murarie,
composto da vicoli, piazzette e la Chiesa di San Giorgio, vero gioiello di epoca romanica.

Manciano è la località sul cui territorio si trovano le terme libere di Saturnia.
Esso è un borgo medioevale su cui troneggia la Rocca, nel borgo si può visitare il piccolo,
ma prezioso Museo di Preistoria e Protostoria della Valle del Fiora.
Non lontano da Manciano, si può visitare il Castello Acquarum, una enorme cisterna di epoca romana.

Come arrivare alle Terme di Saturnia

Come arrivare alle Terme di Saturnia

Come arrivare alle Terme di Saturnia

Le Terme a Saturnia si trovano immerse nella campagna della Maremma, ma come arrivare alle Terme di Saturnia?

Queste terme sono una località termale ormai famosa in tutto il mondo, frequentata da molta gente in ogni giorno dell’anno.

Le opportunità di godere di questa località curativa sono di due tipi.
Vi sono infatti le Terme di Saturnia spa, le quali comprendono un resort con albergo, piscina, campi da golf ed un servizio di lusso per soddisfare le esigenze di altissimo livello qualitativo.

Oppure vi sono le Terme di Saturnia gratis ovvero si tratta delle Terme libere,
infatti possono essere usufruite in maniera del tutto gratuita appunto,
grazie a delle vasche calcaree presenti nella campagna sottostante il borgo di Saturnia,
tra le quali scende a cascata l’acqua termale sulfurea.

Come arrivare alle Terme di Saturnia

Per rispondere alla domanda vi suggeriamo il percorso da fare.
Le Terme a Saturnia si trovano a circa 170 chilometri a nord di Roma.
In auto occorre impostare sul navigatore Località Follonata Manciano, con coordinate Long: 11,51435 est e Lat 42,64949 nord.
Questo per quanto riguarda le terme a pagamento, quelle libere invece si trovano a pochi chilometri da questo punto.

Queste ultime si individuano tramite un’ansa piuttosto evidente che si percorre lungo la strada provinciale 10,
la quale è tagliata da una stradicciola chiamata Via della Follonata.
Inoltre le Terme di Saturnia per bambini, nel resort, hanno un’aera dedicata con piscine apposite e percorsi seguiti.

Queste Terme si trovano immerse nella natura, per questo sono un luogo perfetto per il relax e per godere di percorsi curativi sia per il corpo che per la mente,
immersi nella campagna della Maremma Toscana. Dopo una visita a Firenze o a Roma,
le Terme di Saturnia sono il luogo ideale per trovare benessere, sia di giorno che di notte.

Terme di Saturnia

Alla scoperta delle Terme di Saturnia

Alla scoperta delle Terme di Saturnia

Le Terme di Saturnia si trovano in Maremma, a sud della Toscana, in provincia di Grosseto.
Tante le occasioni e le offerte per le terme di Saturnia si trovano in rete, occasione per scoprire questo posto incantevole.

Le Terme di Saturnia quali sono?

A Saturnia ci sono le Terme di Saturnia SPA sono uno stabilimento termale con Golf Resort sono uno stabilimento termale di altissimo livello,
in grado si soddisfare ogni esigenza, legata anche a standard qualitativi di lusso.

Tuttavia ci sono anche le Terme di Saturnia gratis invece sono immerse in un contesto naturalistico davvero unico.
Si tratta delle Cascate del Mulino, le quali sono costituite da grandi vasche calcaree poste su diversi livelli, dalle quali l’acqua procede a cascata.

Quando andare a Saturnia

Le Terme libere sono meta di molte persone in ogni momento dell’anno,
in quanto l’acqua ha temperature miti anche durante la stagione invernale.

Dunque le Terme a Saturnia in Hotel permettono di godere di percorsi vascolari ad acqua fredda e calda, aree relax, centro benessere.
Tuttavia le Terme di Saturnia a pagamento sono indicate per la cura di disturbi legati all’apparato respiratorio, locomotore, digerente, vascolare e per la cura di disturbi dermatologici e per l’otorinolaringoiatria.

Dove dormire a Saturnia

Quindi per godere delle Terme si possono scegliere alberghi, agriturismi della Maremma ma le Terme a Saturnia hanno anche area camper in cui poter sostare.
Per quanto riguarda le terme libere poi occorre sottolineare come il loro accesso si fruibile durante tutto l’anno a tutte le ore.
Infatti spesso l’afflusso si può notare anche durante la notte, quando si gode della temperatura mite interna delle vasche, sotto il cielo luminoso e limpido della campagna toscana, tra i campi di grano.

Il paesaggio è senza dubbio molto suggestivo, regalarsi una giornata alle terme è di sicuro effetto rilassante per la mente e per il corpo.
Anche qualche ora può bastare per poter godere di tali effetti benefici della natura.
Le Terme a Saturnia hanno la sorgente da un cratere vulcanico, sono situate sotto il borgo stesso di Saturnia e rappresentano una località termale ormai famosa nel mondo.

Terme più belle nel Lazio

Quali sono le Terme più belle nel Lazio

Quali sono le Terme più belle nel Lazio

Il Lazio è una regione da scoprire, tra tutto anche il relax, quale le terme più belle nel Lazio?
Non solo Roma infatti può essere una attrattiva del Lazio,
l’indiscussa caput mundi è sicuramente una meta da non perdere e da visitare almeno una volta nella vita, se mai bastasse vedere la città una sola volta,
ma il Lazio riserva anche altre mete del tutto particolari, come le preziose terme.

Le Terme più belle nel Lazio

Il Lazio è una delle principali regioni italiane che ha il maggior numero di sorgenti termali ed è la prima per quanto riguarda le terme libere.
Soprattutto le terme nel Lazio si concentrano nella zona della Tuscia ma non soltanto in quel territorio.

Le Terme di Cretone sono in Sabina e si trovano immerse all’interno di un paesaggio naturale ai piedi di un bosco rigoglioso.

Le Teme dei Papi

Le Terme dei Papi, vicino Viterbo, sono conosciute sin dai tempi antichi e sono ritenute di categoria Super,
esse offrono l’opportunità di godere dell’acqua termale della Sorgente Bullicame e dei fanghi del Laghetto del Bagnaccio, ricchi di elementi organici ed inorganici preziosi.

Particolarmente importante sapere che le Terme dei Papi offrono l’opportunità di curare malattie dermatologiche, ginecologiche, vascolari e reumatiche.

Le Terme di Tivoli

Le Terme di Tivoli, con le sue Acque Albule, sono ad un passo da Roma e possono essere abbinate alla visita delle ville di Tivoli, Villa Adriana e Villa d’Este.

Quindi per le terme nel Lazio, dove andare non è un problema, le destinazioni sono molteplici e tutte ugualmente valide e curative,
per un soggiorno all’insegna del benessere ma anche della natura e della storia antica.

Anche l’offerta degli alberghi con terme nel Lazio o soluzioni spa sono numerose e di qualità, in modo tale da poter trascorrere week end di totale relax e godimento per la salute.
Le terme di acqua sulfurea nel Lazio vanno anche a formare delle piscine naturali in aperta campagna,
soprattutto nel territorio del viterbese, dove è possibile godere di oasi pressoché gratuite di totale benessere.

Fine settimana in Abruzzo

Organizzare un fine settimana in Abruzzo per degustare prodotti tipici regionali

Organizzare un fine settimana in Abruzzo per degustare prodotti tipici regionali

Organizza un fine settimana in Abruzzo per scoprire una regione fantastica piena di tantissimi posti pieni di storia e moltissime prelibatezze da gustare.
L’Abruzzo è una regione del centro sud Italia che presenta ancora tanti luoghi da scoprire, accanto a mete turistiche più gettonate.

Fine settimana in Abruzzo cosa vedere?

In Abruzzo cosa vedere è una domanda alla quale si può rispondere con un elenco di località che spaziano dalla costa alla montagna.

L’Abruzzo è anche cucina e gusto del palato, soprattutto per quanto riguarda i famosi dell’Abruzzo, gli arrosticini.
Infatti in Abruzzo le escursioni possono comprendere dei percorsi tracciati davvero unici e suggestivi,
soprattutto perché in Abruzzo si ha il Parco Nazionale che regala scenari mozzafiato, immersioni totali nella natura incontaminata.

Nel Parco si possono fare passeggiate e trekking tra le vette più alte di tutta la catena appenninica,
si cammina attraverso foreste con specie animali e vegetali protette, si possono incontrare i camosci, gli orsi e tanti altri animali che popolano il parco nazionale.

L’Abruzzo da scoprire

Tuttavia in Abruzzo i posti da visitare sono molteplici e fanno parte anche di una serie di borghi antichi, di paesi fortino, di cittadelle arroccate sulle montagne,
i quali testimoniano e mantengono un legame con il passato che viene sempre più rivalutato grazie all’attenzione del turismo e della riscoperta delle tradizioni.

Si può visitare Penne, Barrea, Scanno, Pescasseroli, Tagliacozzo, tutti paesi che dalle loro alture dominano piccole valli
o si abbarbicano con tenacia lungo i pendii ripidi delle montagne abruzzesi.
La costa poi presenta borghi marinari dal sapore intatto antico, con la conosciuta costa dei trabocchi, le ingegnose macchine da pesca su palafitte che si possono ammirare lungo la riva.

Le rievocazioni storiche e le feste legate ai prodotti tipici enogastronomici permettono di fare un’immersione totale nei tempi e nei luoghi del passato della civiltà rurale, montana o marinara dell’Abruzzo.
Dagli abiti tipici delle donne di Scanno ai balli popolari, dai piatti di pesce, all’agnello, dai ceci di Pescasseroli al formaggio casereccio,
ogni elemento tradizionale e artigianale permette di vivere momenti fuori dal tempo, che lasciano un ricordo indelebile di armonia e dal sapore antico.

Regione Puglia

Prodotti Tipici della Regione Puglia quali mete scegliere per iniziare l’assaggio?

Prodotti Tipici della Regione Puglia quali mete scegliere per iniziare l’assaggio?

La Regione Puglia è una meta turistica di notevole interesse, perché si tratta di un territorio che regala grandi bellezze della natura,
accompagnate dall’appagamento del palato, per prodotti tipici di qualità.

Regione Puglia ma quanti prodotti buoni possiede

I prodotti tipici pugliesi dop e igp infatti sono molti, tra la vasta gamma, si possono elencare 5 olii regionali come:
– Collina di Brindisi,
– Terre di Bari,
– Terre Tarentine,
– il Dauno
– il Terra d’Otranto

Inoltre è famosa per le arance del Gargano, il Carciofo brindisino, le clementine del golfo di Taranto a questi ed altri si uniscono lo squisito Canestrato pugliese,
il Caciocavallo silano, la Ricotta di Bufala, il pane di Altamura.

Puglia da visitare

La Puglia non è soltanto prelibatezza della tavola ma anche appagamento dello sguardo, con territori ampi e naturali che creano un paesaggio davvero unico.
Inoltre in Puglia da visitare c’è veramente tanto, infatti comprende un’estensione geografica notevole,
dalla penisola del Gargano, con le Isole Tremiti, fino alla punta estrema del Salento con la suggestiva Santa Maria di Leuca.

Nel mezzo della regione, si hanno territori come le Murge o le lunghe distese delle campagne con filari di olivo e vite che compongono una natura suggestiva e dal gusto antico.
Dunque la Puglia da scoprire ha un insieme di mete da poter suggerire, una più interessante dell’altra, sia dal punti di vista artistico, che storico e legato alla tradizione.

Bari ha un centro storico affacciato sul mare che regala atmosfere uniche,
anche Lecce ha un’architettura che la rende una delle perle del meridione,
ma oltre alle città vi sono mete turistiche come il Castel del Monte di Andria,
la Cattedrale di Trani, il borgo marinaro di Polignano a Mare e la città bianca di Ostuni.

Non è finita qui da vedere e rimanere affascinati c’è la città vecchia con il faro di Otranto, il centro storico di Gallipoli, di Taranto, le Grotte di Castellana, i vicoli di Alberobello con i suggestivi e unici al mondo Trulli.

La Puglia quindi è una regione da scoprire, non soltanto per le spiagge selvagge e le riserve naturali che la impreziosiscono
ma anche per un mondo rurale, contadino, artigianale e artistico che permette di godere di itinerari turistici da non perdere.